(Graphic Art Chiara Ricci)

(Graphic Art Chiara Ricci)

La rubrica online “Piazza Navona” è lieta e orgogliosa di ospitare e di presentare ai suoi lettori il fotografo francese Jean Guichard, noto per la serie di immagini dedicate ai fari in tempesta che, nel 1990, gli ha fatto ottenere un secondo posto al prestigioso World Press Photo nella sezione “Natura”.Jean Guichard è nato a Parigi il 28 aprile 1952. Dopo il suo impegno nella Marina Militare si è dedicato, a partire dal 1977, al fotogiornalismo per la Sygma agency. Tante sono le personalità della cultura e dello sport ritratte dal fotografo: Jacques Chirac, André Giraud, François Mitterrand… apparsi su riviste di prestigio quali Paris Match, Time, Figaro – Magazine. Nel 1989, creerà assieme a un gruppo di fotografi la GLMR agency che resterà in attività sino al 1995 quando Guichard diventerà direttore dell’Agence Générale d’Image.

Jean Guichard

Jean Guichard

Ma ora lasciamo che sia proprio Jean Guichard a raccontarci della sua fotografia!

Buona lettura!

  • Quando ha iniziato a interessarsi alla fotografia?

Fin dal liceo mi sono interessato alla fotografia, ma non avevo alcun materiale, quindi non producevo molto, ho iniziato a imparare a sviluppare i miei negativi in bianco e nero.

Fotografia di Jean Guichard (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Fotografia di Jean Guichard (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Quando ha realizzato le sue prime fotografie?

Ho fatto il servizio militare su una nave della Marina francese che svolgeva missioni di assistenza alla pesca su larga scala nell’estremo nord, St Jean-Terranova, St Lawrence Bay, Labrador, Groenlandia, Islanda, Norvegia , a Spitsbergen e in Finlandia. Ho bei ricordi delle foto delle scogliere della Groenlandia riflesse come uno specchio nelle calme acque delle baie. Fu in Groenlandia che comprai la mia prima Nikon.

otografia di Jean Guichard (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Fotografia di Jean Guichard (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Quando ha deciso di dedicare la sua fotografia al mare?

Dopo questa esperienza marittima e anche per il fatto di essere bretone, mi ha sempre interessato il mare. Quando sono entrato nell’agenzia di stampa Sygma nel 1979, una delle mie prime missioni era seguire la costruzione di un aliscafo da parte di un famoso marinaio di nome di Tabarly. Dopo l’agenzia mi ha affidato tutte le relazioni riguardanti le gare di vela. Questo uso regolare del mare mi ha fatto riflettere sui fari, edifici che all’epoca erano di scarso interesse per i giornalisti.

Il faro di Créac'h durante la tempesta di Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Créac’h durante la tempesta di Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Nel 1988 abbiamo iniziato in Francia per parlare dell’automazione dei fari e dell’eliminazione del lavoro del guardiano del faro, così ho deciso di fare un lavoro di memoria su questo argomento.
È in questo contesto che nel 1989 ho realizzato la famosa fotografia del faro del Mare situato vicino all’isola di Ouessant, nessuno sospettato al momento della vita difficile che ha portato le guardie di fari durante le tempeste. Questa foto è stata in tutto il mondo ed è stata distribuita a oltre un milione di copie. È stata anche premiata con una World Press.

Il faro di La Jument, isola d'Ouessant (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di La Jument, isola d’Ouessant (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Quali sono le difficoltà nel fotografare il mare e i fari?

È difficile fotografare in ambiente marittimo: il freddo, il vento, la spuma di mare, rendere le riprese estremamente difficili. Per quanto riguarda le foto del mio faro nelle tempeste, le scatto in elicottero, perché, naturalmente, nei luoghi che frequento, in caso di maltempo, non si può fare altrimenti. Lavoro con piloti esperti che a volte mi fanno volare nell’oscurità delle onde e a volte queste onde sono sopra di noi.

Il faro di La Jument, isola d'Ouessant (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di La Jument, isola d’Ouessant (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Ciò spiega i risultati spettacolari che ottengo. Lavoro con la porta aperta appoggiandomi al pattino esterno dell’abitacolo, puoi immaginare che in questa posizione in caso di temporali, fa molto freddo, gli occhi piangono, è difficile mirare e fare il punto. Ovviamente se l’elicottero cade in questi luoghi, non si può sperare in nessun salvataggio. L’altra difficoltà è studiare il tempo, un volo in elicottero è molto costoso e devi prendere la decisione giusta.

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Quali sono le sue fotografie che preferisce e quali sono le condizioni atmosferiche in cui preferisce lavorare?

Come “documento” l’immagine del Mare è ovviamente la mia preferita, ma come “opera artistica” mi piacciono molto le mie fotografie del faro di Créac’h a Ouessant (dico sempre ai giornalisti che la punta da Pern a Ouessant è il posto più bello del mondo) e da tutti i fari del Mare Iroise a livello artistico la mia preferenza va alle luci di quelli che vengono chiamati “cieli a strascico” dopo il passaggio delle depressioni, grandi nuvole scure lasciano passare enormi “buchi” di luce, mi piacciono particolarmente i momenti in cui il sole illumina violentemente le onde e il cielo dietro è quasi nero. Ci sono anche quei momenti prima del tramonto, in questi torturati cieli di tempesta dove la luce discute con le nuvole e ci offre una gamma infinita di toni, che mi evoca i dipinti di Turner o di Monet.

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Qual è il suo rapporto con la luce?

Come ho appena detto sopra, nel genere “artistico” senza luce, non c’è immagine, a volte faccio immagini con tempo grigio, in quel momento lavoro le esplosioni delle onde o piani della struttura dei fari, ma ciò che preferisco ovviamente, sono i sottili giochi di luce che ci offre la Bretagna e le sue tempeste.

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Come nascono le sue idee per realizzare una fotografia?

Le mie idee vengono dal mio cervello, penso (scherzo). Il mio lavoro di fotoreporter mi ha portato a lavorare sui temi “attuali” che sono stati imposti a tutti. Per quanto riguarda i fari, il mio approccio era di natura patrimoniale, per preservare per le generazioni future la memoria visiva dei mestieri perduti.
Più in generale, mi piace far sì che le persone scoprano universi a cui non hanno accesso.

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Four durante la tempesta Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Quali sono il messaggio e il significato della sua fotografia?

È molto pretenzioso voler comunicare un “messaggio”, non sono né un politico né un filosofo, ma posso permettermi un consiglio: quello di essere vigili sulla conservazione del patrimonio che ci circonda, abbiamo visto di recente che anche una pizza è un elemento del patrimonio.
Italiani e francesi hanno enormi ricchezze architettoniche che sono molto difficili da mantenere in buone condizioni, che le autorità si prendono cura di loro, o che aiutano i ricchi proprietari a prendersene cura.

Il faro di Créac'h (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Créac’h (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Si dice che Versailles fosse una follia, eppure è una follia molto redditizia. I nostri fari bretoni non hanno più l’utilità di un tempo con l’avvento delle tecnologie GPS ma attirano molti turisti, è la loro nuova vita, dovremmo distruggere il Colosseo con il pretesto che non ci sono più “giochi circensi”.
Il messaggio dei fari era anche quello di mostrare ciò di cui l’uomo è capace nei suoi bei momenti, all’inizio del diciannovesimo secolo, non c’erano praticamente fari e molti marinai morivano in mare. Lo sforzo colossale che è stato fatto durante questo secolo per costruire questi aiuti alla navigazione è esemplare.

Il faro di Créac'h durante la tempesta di Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

Il faro di Créac’h durante la tempesta di Fionn (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Qual è la fotografia più difficile da realizzare?

L’immagine più difficile è quella che non ho fatto di me che correvo sotto le bombe a Beirut nel 1982.

  • Cos’è per lei la Fotografia?

La fotografia è un ottimo mezzo per la trasmissione dell’esperienza umana. È anche un mezzo artistico economicamente accessibile a tutti e quindi molto democratico. Questa democratizzazione è tristemente accompagnata da un dubbio tentativo artistico che a volte mi lascia perplesso, i “luminari culturali” troppo spesso danno importanza a ciò che non lo è, per lo snobismo, suppongo. Le mie foto sono allo stesso tempo complesse e semplici, in ogni caso comprensibili a tutti, raggiungono il loro obiettivo provocando un’emozione artistica a cui le contempla, che mi sta bene. Un gallerista un giorno mi ha detto che le mie foto erano troppo belle per lui, è vero che non è il mio mondo, glielo lascio, la storia farà il suo corso.

La Jument (Per gentile concessione di Jean Guichard)

La Jument (Per gentile concessione di Jean Guichard)

  • Quale sarà la sua prossima fotografia?

Non faccio molte fotografie, al momento sto lavorando a una riedizione di un libro (in italiano Fari distribuito in Italia dall’Editore l’Ippocampo). Desidero aggiungere fari del Portogallo e la Spagna. Ho trascorso la mia vita girando intorno al pianeta, ora il mio lavoro sui fari occuperà il mio tempo pacificamente.

"Fari", libro fotografico di Jean Guichard (Ippocampo Edizioni

“Fari”, libro fotografico di Jean Guichard (Ippocampo Edizioni)