(Graphic Art Gino Aloisio)

(Graphic Art Gino Aloisio)

La settimana della rubrica online “Piazza Navona” si conclude con l’intervista ad Evelyn Farr, la scrittrice inglese che ha dedicato ampi studi alla Rivoluzione francese e alla storia d’amore tra la Regina Maria Antonietta e il Conte Axel von Fersen. Una Storia da riscoprire…

La rubrica online “Piazza Navona” oggi ha il piacere di incontrare la scrittrice inglese Evelyn Farr la quale ha dedicato ampi studi e approfondite ricerche alla Rivoluzione francese. In particolar modo l’Autrice e studiosa londinese si è soffermata sulle figure storiche della Regina Maria Antonietta e del Conte svedese Axel von Fersen e sul loro amore che non poco scandalo suscitò in Francia e nel mondo intero. Evelyn Farr in questa intervista ci racconterà dei suoi interessanti studi, delle importanti ricerche grazie alle quali la storia d’amore tra Maria Antonietta e Fersen e, ancor di più, le cause e lo svolgimento della Rivoluzione francese possono avere una nuova lettura. Perché la Storia è studio e ricerca… e la verità, spesso, non viene riportata nei libri di scuola restando segreta nella polvere della memoria e degli archivi.

Evelyn Farr (Per gentile concessione di Evelyn Farr)

Evelyn Farr (Per gentile concessione di Evelyn Farr)

  • Come è nato il suo amore per la scrittura? E quando ha deciso di diventare uno scrittore?

Ho iniziato a scrivere quando ero molto giovane. Inizialmente poesia. I libri mi hanno sempre affascinata ed ero una lettrice vorace. Ho scritto il mio primo racconto lungo (circa 30 pagine) quando avevo otto anni. Ho sempre voluto essere una scrittrice. Il mio primo romanzo per adulti (una satira sulla vita universitaria che in seguito ho strappato) l’ho  scritto quando avevo diciannove anni. Poi ho scritto altri due romanzi (uno dei quali pubblicato qualche anno fa) prima di passare alla saggistica. Ma quando sono nello stato d’animo giusto scrivo ancora poesie e storie di finzione!

Evelyn Farr (Per gentile concessione di Evelyn Farr)

Evelyn Farr (Per gentile concessione di Evelyn Farr)

  • E il suo interesse per la Storia del il XVIII secolo? La sua scrittura è incentrata soprattutto su questo periodo storico. Cosa la affascina?

Ho sempre amato il XVIII secolo: i vestiti, la musica, l’architettura e la letteratura. Sono sempre stata affascinata dalla Royal Navy del XVIII secolo e Nelson è uno dei miei più grandi eroi. In termini di scrittura, la mia tesi riguardava l’influenza della narrativa del XVIII secolo, in particolare i romanzi scritti da donne, le opere di Jane Austen. Ciò ha portato al mio libro dedicato alla scrittrice e diarista britannica Fanny Burney. Da allora la mia passione per il XVIII secolo è diventata ancora più forte. La Burney ha condotto una vita davvero straordinaria, sia in Inghilterra sia in Francia, e infonde nelle persone una gran voglia di vivere.

"The world of Fanny Burney" (Peter Owen, 1993)

Evelyn Farr, “The world of Fanny Burney” (Peter Owen, 1993)

  • Cosa può raccontarci del suo interesse per Marie Antonietta e la Rivoluzione Francese?

Immagino che il mio interesse per la Rivoluzione Francese sia iniziato quando ero molto giovane, quando per il mio compleanno mi venne regalato il libro La Primula rossa! Ma non ho davvero conosciuto Maria Antonietta fino a quando non ho iniziato a cercare le memorie francesi del XVIII secolo per il mio secondo libro, Before the Deluge, incentrato sull’alta società parigina sotto il regno di Luigi XVI. Ho letto una raccolta di lettere di Maria Antonietta del XIX secolo e ho trovato la regina di Francia molto diversa dalla caricatura del mito popolare. Ho voluto scoprire di più ed è così che sono venuta a conoscenza di questa donna straordinaria e della sua verità.  È così che ho deciso di mostrarla e farla conoscere per ciò che è stata realmente.

Evelyn Farr, "Before the Deluge" (Peter Owen, 2000)

Evelyn Farr, “Before the Deluge” (Peter Owen, 2000)

  • Potrebbe raccontarci di più del suo ultimo libro dal titolo I Love You Madly: Marie-Antoinette and Count Fersen: The Secret Letters. Come è riuscita a reperire del materiale inedito e a ricostruire un capitolo così intricato e intrigante della Storia europea (e non solo)? Quali idee ha maturato in merito?

Ho scritto questo libro prima nella versione francese con il titolo Marie-Antoinette et le Comte de Fersen, La correspondance secrète  (L’Archipel, 2016). Questo libro contiene molte nuove scoperte che ho fatto attraverso la loro corrispondenza (compresa la prima dichiarazione d’amore riconosciuta di Fersen a Maria Antonietta - Ti amo e ti amerò follemente per tutta la mia vita).

Evelyn Farr, "Marie-Antoinette et le Comte de Fersen, La correspondance secrète"  (L'Archipel, 2016)

Evelyn Farr, “Marie-Antoinette et le Comte de Fersen, La correspondance secrète” (L’Archipel, 2016)

Il mio obiettivo principale nella ricerca storica è quello di utilizzare i documenti originali ogni volta che è possibile – quindi lettere e diari scritti all’epoca, piuttosto che memorie o raccolte di lettere pubblicate decenni dopo. Il materiale del XIX secolo è stato spesso pesantemente censurato. Quando cerco un argomento biografico, guardo anche negli archivi di persone strettamente associate a quella persona. Ad esempio, Maria Antonietta aveva diversi amici inglesi, e le loro lettere e i loro diari rivelano molto su di lei (e sulla sua relazione con Fersen). Il problema con Maria Antonietta è che il materiale più interessante non si trova in Francia ma all’estero. E per districare la complessità del suo rapporto con Fersen, che è stato mantenuto nel più stretto riserbo per oltre un decennio, ho passato molto tempo negli archivi della ​​Svezia e dell’Inghilterra. Si tratta di trovare un riferimento o un documento in un archivio e di collegarlo a ulteriori  prove di conferma per costruire l’intero quadro. Così, per il mio ultimo libro, sono riuscita a chiarire il misterioso messaggio che ha inviato a Fersen dopo il volo per Varennes, quando lei gli ha chiesto di scriverle sotto il falso nome di “Madame Brown” all’indirizzo della sua segretaria, M. Goguelat. “Mrs Brown” era il soprannome che le era stato dato dai suoi amici inglesi, il Duca di Dorset e la Duchessa del Devonshire, ed era il nome in codice usato sulla busta esterna della lettera di Fersen. Ho trovato l’indirizzo di Goguelat sul retro di un elenco di nomi in codice nell’archivio di Fersen in Svezia – 2 rue Pelletier, Parigi. Fu qui che Fersen inviò la sua lettera. Mettere insieme le informazioni provenienti dagli archivi di ​​tre diversi Paesi mi ha permesso di tracciare il percorso tortuoso usato da Maria Antonietta e dal suo amante per la loro corrispondenza segreta. Tutto ciò sembra molto più reale.

Evelyn Farr, "Marie-Antoinette and Count Fersen - The Untold Love Story" (Peter Owen, 2013)

Evelyn Farr, “Marie-Antoinette and Count Fersen – The Untold Love Story” (Peter Owen, 2013)

Quello che ho scoperto è che, lungi dall’essere un’avventura passeggera o una storia d’amore platonica, la durata della storia d’amore fra Maria Antonietta e Axel von Fersen è stato un fattore importante per certi eventi della Rivoluzione francese. Questo amore mostra la Regina in una luce molto diversa da quella a cui siamo abituati a vederla. Infatti, appare come una donna sensibile, amorevole, coraggiosa, politicamente astuta, intensamente leale, che alla fine si è sacrificata per un marito che non amava a causa del suo profondo attaccamento ai figli.

Per gentile concessione di Evelyn Farr

(Per gentile concessione di Evelyn Farr)

  • Qual è il personaggio storico che vorrebbe intervistare o incontrare?

Che domanda difficile! Mi piacerebbe fare un’intervista congiunta a Fersen e Maria Antonietta (con molte foto per una rivista di celebrità? Forse no!), Ma penso che mi piacerebbe intervistare anche il Cardinale Mazzarino, un uomo straordinariamente dinamico e intelligente. C’è un libro che ho iniziato alcuni anni fa, che deve essere completato…

Conferenza tenuta da Evelyn Farr a Stoccolma nel marzo 2018 dal titolo "I love you madly" (Per gentile concessione di Evelyn Farr)

Conferenza tenuta da Evelyn Farr a Stoccolma nel marzo 2018 dal titolo “I love you madly” (Per gentile concessione di Evelyn Farr)

  • Potrebbe dirci di più in merito al suo prossimo libro e ai suoi impegni professionali?

Il mio prossimo libro è la versione francese di The Untold Love Story, che incorpora tutte le mie scoperte più recenti (incluse alcune proprio di questo periodo). Poi vorrei scrivere il romanzo di spionaggio ambientato nella guerra fredda che stavo pianificando, ispirato – seppur in modo approssimativo – alla vita di mia madre.

Per gentile concessione di Evelyn Farr

(Per gentile concessione di Evelyn Farr)

  • Cos’è la Storia per lei? E quanto è importante parlarne alle nuove generazioni?

La Storia è ora, e ora è storia! Siamo chi siamo a causa di quelli che sono venuti prima di noi. Credo fermamente che la Storia sia circolare; idee, forme d’arte, persone che salgono e scendono come imperi e dinastie … ma al di sotto di tutto questo c’è un filo comune che collega tutti noi al passato più remoto. Più leggo documenti storici, più mi rendo conto che la natura umana non cambia mai. Ed è la gente che fa la Storia. Quindi dovremmo abbracciare il nostro passato e renderlo parte del nostro presente… perché se conosci la tua storia, hai una prospettiva migliore sugli eventi ed facendo sì che sia meno probabile che si ripetano gli errori del passato.