(Graphic Art Chiara Ricci)

(Graphic Art Chiara Ricci)

La rubrica online “Piazza Navona” intervista Anni Leppälä, la fotografa finlandese e l’artista contemporanea più quotata nel suo campo che, attraverso le sue immagini, cattura la solitudine, l’essenza e le mille sfumature dell’animo umano.

Nella piazza virtuale della rubrica online “Piazza Navona” abbiamo come ospite Anni Leppälä, la giovane fotografa finlandese (classe 1981) che ritrae esclusivamente soggetti femminili in un perfetto equilibrio tra luci e ombre, tra linee e immagine, tra dettaglio e ambiente.

Anni Leppälä

Anni Leppälä

La produzione di Anni Leppälä, così, diviene una vera e propria galleria di ritratti femminili raccontati per lo più per dettagli, per suggestione pur creando con lo spettatore un rapporto intimo di confidenza, di presenza/assenza, fiducia nonché un dialogo fatto di puri sguardi e di lunghi silenzi. Le sue immagini sono istanti catturati e congelati che raccontano, senza mai ripetersi, la varietà del tempo, del sentimento e della perfetta solitudine che appartengono a ogni individuo.

Anni Leppälä, "Projection" (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

Anni Leppälä, “Projection” (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

  • Quando ha deciso di diventare fotografa?

Ho iniziato a far fotografie dopo aver frequentato un breve corso di fotografia nel liceo della mia città natale, Kuopio. Ho pensato potesse essere un valido aiuto per comprendere il mondo visivo e la sua lingua. All’inizio ero attratta dalla malinconia e da caratteristiche simili proprie della fotografia, e dalla loro relazione con l’istante e il tempo. Recentemente mi sono interessata alla trasformazione della materialità attraverso le fotografie e al modo in cui le immagini possono alterare i soggetti in tale processo. Sono anche affascinata dall’aspetto “invisibile” delle fotografie, ovvero ciò che può essere riconosciuto e trovato attraverso la superficie visibile.

Anni Leppälä, "Mantlepiece (with two sticks)" - Per gentile concessione di Anni Leppälä

Anni Leppälä, “Mantlepiece (with two sticks)” – Per gentile concessione di Anni Leppälä

  • Qual è stata la sua formazione artistica?

Ho studiato alla Turku Arts Academy  per i miei studi universitari per poi frequentare l’Università di Arte e Design di Helsinki (ora chiamata Aalto University). Penso che ci voglia tempo per avere una formazione completa ma una volta che l’interesse si approfondisce e inizi a creare il tuo lavoro, è un campo così vasto e affascinante.

Anni Leppälä, "Mirror (distance)" - Per gentile concessione di Anni Leppälä

Anni Leppälä, “Mirror (distance)” – Per gentile concessione di Anni Leppälä

  • Ricorda qual è stata la sua prima fotografia?

Hmm, onestamente non ricordo “una prima fotografia”. Tutto è iniziato come un hobby quando, da giovane, fotografavo i miei amici e la mia famiglia. All’inizio ero inconsapevole ma quando ho iniziato i miei studi tutto è diventato più preciso.

Anni Leppälä, "hotograph I (winter background)" - Per gentile concessione di Anni Leppälä

Anni Leppälä, “hotograph I (winter background)” – Per gentile concessione di Anni Leppälä

  • Dove e come nascono le sue idee?

Il mio modo di lavorare è in continua evoluzione: sto aggiungendo e collegando nuove immagini con le opere già esistenti. Non lavoro con le serie in modo tematico o cronologico considerandole più come un’entità stratificata che può essere continuata in varie direzioni.

Lavoro in modo abbastanza intuitivo raccogliendo sempre suggerimenti e frammenti utili alle mie immagini. Quando qualcosa sembra aprire una nuova connessione, un punto di vista o un pensiero, capisco che mi sto avvicinando a qualcosa di interessante.

Anni Leppälä, "Small forest" (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

Anni Leppälä, “Small forest” (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

L’editing è una parte essenziale del mio processo di lavoro e richiede molto tempo. Torno nei miei archivi e talvolta possono volerci anni prima di trovare o riscoprire un’immagine, una connessione. Le entità delle immagini con cui lavoro sono costantemente in uno stato di cambiamento e alterazione, il che significa che non sono fissate a un certo modo di mostrarle. Aggiungo nuovi pezzi e a volte ne lascio fuori degli altri.

Anni Leppälä, "Light (profile)" - Per gentile concessione di Anni Leppälä

Anni Leppälä, “Light (profile)” – Per gentile concessione di Anni Leppälä

  • Come definirebbe il suo stile fotografico? Sente di essere un fotografo surrealista?

Trovo affascinante il modo in cui le fotografie utilizzano il mondo visibile come materiale. In questo modo la fotografia consente un interessante punto di vista sulla realtà e sulla finzione permettendo anche a quei “punti fissi” del visibile per l’immaginario di essere superati. La qualità delle fotografie (quando citano un determinato luogo o un certo momento nel tempo) è mescolata con attributi e dettagli indefiniti e ambigui. Sono interessato a quegli aspetti “invisibili” all’interno delle fotografie. Ciò che può essere trovato e riconosciuto all’interno della superficie visibile materiale, ciò che è invisibile ma ancora esistente.

Anni Leppälä, "Drawing room (1939)" - Per gentile concessione di Anni Leppälä

Anni Leppälä, “Drawing room (1939)” – Per gentile concessione di Anni Leppälä

  • Le sue fotografie sembrano quadri. La pittura ha ispirato la sua professione?

Sì, penso che la pittura sia nel complesso molto essenziale… Ma sono influenzata da vari campi e fonti: la letteratura, le arti visive, il cinema, la natura. Recentemente ho pensato molto ai dipinti di Cézanne e anche alle meravigliose opere dell’artista svedese Karin Mamma Andersson. Ritorno spesso alle atmosfere presenti nei film di Ingmar Bergman. Durante i miei studi sono stata influenzata anche dalle opere basate sulla fotografia dell’artista finlandese Ulla Jokisalo e dalle fotografie di Francesca Woodman.

Anni Leppälä, "Worktable (mirror and statue)" - Per gentile concessione di Anni Leppälä

Anni Leppälä, “Worktable (mirror and statue)” – Per gentile concessione di Anni Leppälä

  • I soggetti delle sue fotografie sono le donne. Perché non mostra mai i loro volti ma solo parte dei loro corpi?

La figura di una ragazza o di una donna sembra essere la più familiare per me. Il soggetto non è una persona certa o specifica ma un personaggio che a volte può apparire in scale diverse come una figura di carta o una via di mezzo tra una persona e un’immagine. Finora ho fotografato soprattutto persone che conosco molto bene, come amici intimi o parenti. Penso che lavorare con persone familiari influenzi l’ambientazione e l’atmosfera dell’immagine, e di solito c’è più tempo e libertà. La mia sorella minore è stata il modello per le mie immagini per parecchio tempo ma la sento ancora più un “personaggio”  che non una persona specifica. Penso che questo personaggio possa anche essere presente in riferimenti piccoli e sottili, ad esempio nel colore rosso o nella tenda, nella ciocca di capelli o in qualcosa di simile.

Anni Leppälä, "Ribbon" (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

Anni Leppälä, “Ribbon” (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

  • Quale vuole essere il messaggio delle sue fotografie?

Spero che i miei lavori rimangano a disposizione dello spettatore così da trasmettere anche le sue esperienze e i suoi ricordi. Anche un piccolo dettaglio, un’atmosfera, una luce o un colore possono evocare qualcosa di non detto o di stranamente vero. Il mio obiettivo non è quello di creare “narrative” chiare, in quanto ciò rifletterebbe troppo da vicino l’idea della narrazione lineare. Tuttavia, è importante collegare tra loro connessioni intermedie diverse. Forse il termine “associare” spiegherebbe più precisamente questi collegamenti.

Anni Leppälä, "Mirror blanket" (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

Anni Leppälä, “Mirror blanket” (Per gentile concessione di Anni Leppälä)

  • Cosa non deve mancare nella sua Fotografia? Su cosa è focalizzata la sua concentrazione?

Attraverso i miei lavori cerco di avvicinarmi a un preciso momento o a un’ atmosfera anche se è difficile descrivere ciò che effettivamente va a creare quella precisione… forse si tratta di un “equilibrio” sintonizzato tra i diversi dettagli e le immagini.

Anni Leppälä, "Pyramid I"

Anni Leppälä, “Pyramid I”

  • Come immagina la sua prossima fotografia?

Ultimamente mi sono interessata a diversi materiali che appaiono nelle immagini, come il legno riprendendo anche l’(che significa non solo il legno come materiale, ma anche la materia come opposta alla forma, qualcosa che scorre liberamente tra diverse forme e oggetti).
Spero di poter continuare ad esplorare in questa direzione