(Graphic Art Chiara Ricci)

(Graphic Art Chiara Ricci)

La Rubrica online “Piazza Navona” è felicissima di ospitare un nuovo incontro d’Arte incontrando l’Artista tessile Agusta Agustsson la quale racconta della nostra realtà e delle sue emozioni utilizzando la stoffa come fosse una tela per dipingere creando delle trapunte che parlano di noi e della nostra storia.

Agusta Agustsson è un’Artista tessile del Massachusetts che ha lavorato come insegnante di Arte per ventidue anni.

Dal 1974 Agusta usa la stoffa come fosse una tela per dipingere utilizzando ago e filo dando vita a vere e proprie opere d’arte che raccontano anche della nostra realtà. Le sue trapunte, così, divengono una sorta di specchio e di riflesso della nostra società in cui i problemi dell’inquinamento e del cambiamento climatico sono al primo posto.

(Graphic Art Chiara Ricci)

(Graphic Art Chiara Ricci)

Agusta Agustsson ha il dono di tradurre in immagini i suoi sentimenti e i suoi pensieri parlando al pubblico con estrema semplicità. L’Artista è riuscita con successo a creare un nuovo modo di capire l’Arte modellata attraverso nuove strutture e nuovi materiali. Per questa ragione le opere della Agustsson hanno ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali. Per questa ragione è importante sottolineare che, nel 2017, il Museum of Fine Arts di Boston ha acquisito una delle sue trapunte.

L'Artista Agusta Agustsson

L’Artista Agusta Agustsson

Ma lasciamo che sia proprio Agusta Agustsson a raccontarci il suo percorso artistico e il suo concetto di Arte.

Buona lettura!

  • Quando ha scoperto il suo interesse per l’Arte?

Sono sempre stata interessata all’Arte. Da bambina amavo disegnare e dipingere su carta. Dopo il liceo ho frequentato per un po’la scuola di segretariato per poi capire che avevo solo bisogno di frequentare la Scuola d’Arte.

Agusta Agustsson, "Erosion"

Agusta Agustsson, “Plastic Sea, Pink and Green”

  • Quando ha scoperto che la stoffa era il suo mezzo di comunicazione?

Mia madre mi ha insegnato a cucire. Ha cucito vestiti per me e le mie sorelle. Mi ha insegnato a creare e adattare modelli. Ho progettato e cucito abiti per bambole da vendere ai negozi di giocattoli quando avevo 12 anni. La pittura era una cosa a parte. Durante il mio ultimo anno alla Scuola d’Arte sono entrata a far parte di un gruppo di cucito. Lì ho capito come i tessuti sono una forma d’arte particolarmente adatta per affrontare questioni di genere.

Il mio lavoro da quel momento è diventato più tridimensionale. Mentre esploravo i tessuti, la mia materia si occupava principalmente di questioni di genere. Ma in quel periodo l’arte tessile era considerata quale opera delle donne e non intesa veramente come arte. Le gallerie di Belle Arti mi dicevano che il mio lavoro apparteneva a gallerie di artigianato. Le gallerie di artigianato, invece, mi dicevano che il mio lavoro non era appropriato. Alla fine ho rinunciato e ho iniziato a fare paesaggi usando i pastelli.

L'Artista Agusta Agustsson

L’Artista Agusta Agustsson

Cinque anni fa, quando è morto mio padre, ho sentito il bisogno di lavorare su un supporto tattile. L’anno successivo mia madre si ammalò di cancro. Ho cucito quadrati per trapunte mentre ero in attesa con lei in tutti gli studi medici. A questo punto il mio lavoro era più tradizionale. Ero frustrata perché tutto il lavoro creativo si mostrava prima che il pezzo fosse cucito insieme. Giocare era divertente, ma trapuntare era un duro lavoro. Ho dovuto ribaltare questo metodo di lavoro. Volevo un modo per usare i tessuti in modo più spontaneo, per provare sorpresa e meraviglia durante la realizzazione del progetto.

Agusta Agustsson, "Plastic Sea Blue and White"

Agusta Agustsson,
“Plastic Sea Blue and White”

  • Quali sono le difficoltà nel creare le sue opere tessili?

Quando si fa qualcosa che dà gioia, le difficoltà sono solo problemi da risolvere. Ci vuole tempo e pazienza, ma è tutto parte dell’esplorazione.

  • Dove trae ispirazione per i soggetti delle sue opere?

In questo momento i cambiamenti climatici e lo stato del nostro pianeta sono sempre nella mia mente. Spero di attirare l’attenzione dello spettatore con immagini seducenti che trasmettano il mio messaggio sul clima. Una delle mie serie si chiama “The Blue Planet Series”. La mia ultima serie è stata “Plastic Seas”, dedicata al disastro della plastica che abbiano provocato nei nostri oceani. Sarebbe facile troppo facile disperarsi e arrendersi. Sento che l’arte offre la speranza di poter in qualche modo salvare noi stessi e il nostro pianeta.

Agusta Agustsson, "Plastic Sea, Prayer Flag"

Agusta Agustsson, “Plastic Sea, Prayer Flag”

  • Come sceglie i tessuti con cui lavora?

Lavoro con tessuto di cotone stampato commercialmente su cui stampo usando una lastra di gelatina.

  • Chi ha ispirato il suo lavoro?

In questo momento, sono molto interessata ai pittori di paesaggi australiani e del Regno Unito. Mi piacciono particolarmente Idris Murphy e Simon Pooley. Gli artisti tessili che più mi hanno guidata sono Dorothy Caldwell, Cas Holmes, Tansy Hargan, Sue Benner, Pat Pauly, Alice Kettle, Paula Kovarik e Matthew Harris.

Agusta Agustsson, "Duir"

Agusta Agustsson, “Duir”

  • Quanto è importante il colore nel suo lavoro?

Il colore e il contrasto sono intrinseci alla trapuntatura. Uno deve essere consapevole di quali colori saltano più all’occhio e quali restano un passo indietro. Deve esserci tensione tra i colori per poter creare un’azione visiva.

  • Qual è il suo processo di creazione?

La stampa di gelatina su tessuto fa parte del mio processo. In base a come creo i tessuti questi saranno inseriti nelle mie trapunte. Stampo su tessuti che ho nella mia scorta, ma anche su fat quarter quando c’è una grande vendita. I motivi commerciali creano un attrito interessante con le immagini stampate. Prima di iniziare a stampare scelgo una pila di tessuti che conferisce loro una stiratura veloce per facilitarne la stampa. Raccolgo una collezione di oggetti che voglio usare per creare impressioni sulla mia piastra di gelatina. Alcuni degli oggetti provengono dalle mie passeggiate nei boschi. Altri sono oggetti trovati casualmente, come il pluriball e una rete di frutta.

L'Artista Agusta Agustsson

L’Artista Agusta Agustsson

Il processo è piuttosto intuitivo. Comincio mettendo la vernice acrilica sul mio piatto che stendo con un brayer e senza necessariamente coprire tutto lo spazio. Quindi posiziono l’oggetto che sto per stampare sul piatto. Poi posiziono il tessuto. Successivamente, utilizzo un baren per premere il tessuto sul piatto. A volte stampo l’oggetto come un’immagine negativa. Altre volte sollevo l’oggetto e stampo i contorni. Continuo a stampare e a creare diversi livelli. Cerco di rendere il tessuto interessante, ma non sembra una stampa completa.

Dopo che i tessuti si sono asciugati, li guardo, li riorganizzo, li taglio e li riorganizzo di nuovo. Quindi comincio a fissare i pezzi sul mio muro di design. Quando sono soddisfatta, inizio a cucire, lasciandomi la possibilità di cambiare le cose.

Agusta Agustsson, "Winter Fire"

Agusta Agustsson, “Winter Fire”

  • Dove ha esposto?

Queste sono alcune delle esposizioni cui ho preso parte da oggi al 1974, quando ho iniziato:

2019

“Threads”, Beebe Estate, Melrose, MA

“Plastic Sea, Changing Earth”, Belmont Gallery at Belmont Public Library, Belmont, MA

“The Eye Sees, The Mind Wonders”, Milton Art Center, Milton MA

“Fiber Fusions”, Whistler House Museum of Art, Lowell

“The Waste Land on Earth?”, Harvard Ed’s Portal Crossing Gallery, Allston, MA

“Good Fibrations”, Marblehead Art Association (Maggio/Giugno)

“Outside the Ordinary”, Essex Art Center, Lawrence, MA (Marzo/Aprile)

“Fissures”, Emerald Art Center, Springfield, OR (Marzo)

“Stepping Inside the Outside”, Bristol Art Museum, Bristol, RI

2018

“Stitched Connections” Beebe Estate, Melrose, MA

“Explorations: Journey in Creativity, The Quilt Artist’s Studio”, New England Quilt Museum, Lowell, MA

“Stepping Inside the Outside”, Highfield Hall,Falmouth, MA

 “Biennial Members Exhibition, Fuller Craft Museum, Brockton, MA

“Threads”, Beebe Estate, Melrose, MA

2016

“Rebellion and Grace”, Massachusetts College of Art, Boston, MA

2000

 “The Meaning of Landscape”, Concord Art Association, Concord, MA

1994

“Green Quilts”, Louisville, KT,  “Alumni/ae”, Arnheim Gallery , Mass. College of Art

1991

“The Graphic Workshop, 20 Years of Posters”, Huntington Gallery, Mass. College of Art

“Women Illustrators of New England”, Schlesinger Library, Radcliffe College

1985

“The Art of the Poster”, Currier Gallery, Manchester, NH

1984

“Letters to Iceland”, one person show, Reykjavik, Iceland

1983

“Fort Point Artists”, Federal Reserve Bank, Boston

1981

“Contemporary Quilting, A Renaissance”, University of Wisconsin, Green Bay

1979

“Artist/Designer”, Lamont Gallery, Exeter Academy, Exeter, NH

1978

“Best Posters of 1973-1978, American Institute of Graphic Arts, NY

“Artist’s Store”, Institute of Contemporary Art, Boston

1975      “Six Viewpoints”, Longwood Gallery, Mass. College of Art, Boston

1974      “Wet Paint”, Overland Gallery, Mass. College of Art, Boston

Agusta Agustsson, "World on Fire"

Agusta Agustsson, “World on Fire”

  • Qual è la sua opera preferita?

Qualunque pezzo su cui sto lavorando al momento è il mio pezzo preferito.

  • Ma lei è anche una pittrice. Quali sono i suoi soggetti preferiti? E perché?

Non ho dipinto per un po’. Ho iniziato come pittrice a olio ma sono passata al colore acrilico perché gli oli erano così lussureggianti e volevo concentrarmi maggiormente sugli aspetti formali del colore. Ho studiato pittura cinese a pennello per diversi anni, il che mi ha portato agli acquerelli. Il mio soggetto preferito è il paesaggio perché sono ispirata dalla natura.

Agusta Agustsson, "Pistils"

Agusta Agustsson, “Pistils”

  • Quale sarà la sua prossima opera tessile?

In questo momento, sto lavorando a trapunte ispirate all’Islanda, la mia terra d’origine. I cambiamenti climatici stanno già influenzando l’Islanda. Alcuni porti sono aumentati e non sono più abbastanza profondi. Il merluzzo sta migrando verso acque più fredde. E, naturalmente, i ghiacciai si stanno sciogliendo.

Agusta Agustsson, "Wintry Mix"

Agusta Agustsson, “Wintry Mix”

  • Quali sono i suoi prossimi progetti?

Mi pongo obiettivi anno per anno. L’anno scorso il mio obiettivo era quello di creare 24 trapunte. Quest’anno il mio obiettivo è quello di esplorare il punto di cucito scoprendo tutte le capacità della mia macchina da cucire Bernina. La questione del cambiamento climatico continuerà a far parte integrante del mio lavoro.

Prima di salutarvi e darvi appuntamento al prossimo “incontro d’Arte” desiderio ringraziare di vero cuore Agusta Agustsson della sua collaborazione e disponibilità e segnalarvi il suo sito internet https://www.pinkgoosetextiles.com